Il Cammino di Francesco: ecco cosa si prova a camminare soli per 200 km

Guest post : la parola a Bruna

 

Come promesso, oggi lascio la parola a Bruna, la mia amica che ha voluto mettersi alla prova affrontando il suo primo viaggio in solitaria.

Chi ha letto l’articolo il Cammino di Francesco : la Via del Nord già la conosce😊

Scopriamo insieme le emozioni che si provano in un viaggio alla scoperta di se stessi…

for cas

NIENTE AVVIENE PER CASO!!!

Questa frase è comune a tutti e anche a me, tuttavia solo dopo aver percorso 200 km a piedi lungo le montagne, le colline e le pianure tosco-umbre mi sono resa conto del significato di queste parole.

 
L’idea di fare un Cammino mi balenava in testa già da qualche mese, poi un giorno di fine luglio ho sentito dentro di me che era arrivato il momento quindi, senza alcuna esitazione, ma piena di paure, ho chiesto aiuto ad un’amica veramente speciale, Veronica che, oltre a supportarmi ed aiutarmi nell’organizzare il tutto, mi ha trasmesso quella forza che mi è servita per affrontare un viaggio così originale.

 

 
Mi consiglia sin da subito il Cammino di Francesco che ho iniziato in solitaria pochi giorni dopo, partendo dal meraviglioso Santuario di La Verna in Toscana, arrivando nella splendida Basilica di Assisi in Umbria circa dieci giorni dopo.

 

Proprio questi giorni passati a camminare lungo i sentieri tosco-umbri mi hanno regalato emozioni uniche che, difficilmente si riesce a provare nella vita di tutti i giorni o facendo un viaggio di piacere.

 
Il Cammino francescano mi ha portato a passeggiare per diversi giorni in mezzo alla natura più bella ed incontaminata regalandomi sin dal primo giorno emozioni positive che, ancora oggi, a quattro giorni dal mio rientro, porto tutte con me.

 

Ho il sorriso stampato sulla faccia da quando ho iniziato il mio viaggio che si unisce a quello di tutto il corpo quando ripenso ai magici momenti trascorsi in quelle terre.

 
In solitaria ho attraversato montagne, colline e pianure passando lungo numerosi paesini dell’entroterra fino ad arrivare in alcune tra le città più belle del nostro paese.

 

Il Cammino di Francesco, infatti, si snoda su sentieri a volte anche molto impegnativi che ripagano della fatica appena affrontata quando magari si arriva in cima alla montagna e si entra nel meraviglioso Eremo di Montecasale in Toscana, oppure nel borghetto medievale di Citerna in Umbria fino ad arrivare nelle città d’arte più famose d’Italia, come Gubbio ed Assisi, i luoghi più amati San Francesco.

 

 
Le mie giornate trascorse a camminare sola oltre a farmi riscoprire alcune delle città più belle del nostro paese ed una natura forte e rigogliosa bella da guardare, toccare e sentire, mi hanno trasmesso una pace ed una serenità che non avevo mai provato in vita mia rendendomi conto solo ora che per provarle a volte basta veramente poco.

 
Ringrazio Veronica per avermi consigliato il Cammino di Francesco e con la quale ho trascorso, a metà del mio cammino, una giornata nella meravigliosa città di Gubbio, vivendo da pellegrina insieme a me.

 

Veronica è una donna semplice nella vita ma talmente tanto ricca dentro che per me è stata una fortuna averla conosciuta e soprattutto un piacere essere sua amica!!!

 
Sono veramente felice di aver fatto questa esperienza che, ritengo sarà la prima di una lunga serie.

 

Vivere da pellegrina in mezzo alla natura e all’arte, infatti, mi ha fatto apprezzare ancor di più la mia vita!

 

Non dimenticherò mai quei momenti…

Bruna


P.S. Il Cammino è il mio viaggio ideale, lì ho trovato veramente tutto.

Allora cosa ne pensi? Aspetto le tue impressioni nei commenti😊

Se anche tu hai fatto un’esperienza simile e vuoi condividerla ti ospito volentieri nel mio blog 😉

Un abbraccio

Veronica

Annunci

12 pensieri riguardo “Il Cammino di Francesco: ecco cosa si prova a camminare soli per 200 km

  1. Bruna, sei una ragazza davvero coraggiosa ad aver affrontato un cammino in solitaria di “soli” 200km ! E fortunata per aver avuto il supporto della mitica Veronica, che farebbe muovere anche i sassi col suo entusiasmo e amore per le escursioni!!!

    E’ bello essere coinvolti in questi pellegrinaggi, ma sopratutto fa bene al cuore percepire l’entusiasmo che vi anima durante questi cammini.

    Un brava e un abbraccio a tutte e due! Vittoria ❤ ❤

    Piace a 1 persona

    1. Grazie Vittoria, sto facendo tutto questo per far muovere anche te 😂😂😂😂 scherzo ma chissà se un giorno ti ritroverai a raccontare proprio qui sul mio blog di una tua esperienza in solitaria😍😍😍😍
      Mi piace condividere con chi sa apprezzarle queste emozioni così intense, credo possano incoraggiare le persone che ancora sono indecise a trovare il coraggio di osare perchè oltre la paura iniziale c’è un mondo di sensazioni meravigliose ed inesplorate che ci aspetta 💞
      Un abbraccio fortissimo cara Vittoria da me e Bruna🌷

      Piace a 1 persona

    1. Esatto era proprio il messaggio che volevo far passare: la bellezza è ovunque basta avere gli occhi ed il cuore “allenati” per coglierla😊
      Questo Cammino per fortuna ancora non va di moda per cui non è preso d’assalto dal turismo di massa e si può stare in solitudine anche per una giornata intera😍

      Piace a 1 persona

    1. Sono davvero felice che in qualche modo possa caricarti ancora di più e ovviamente voglio sapere ogni dettaglio del tuo viaggio in solitaria (io da quando ho cominciato due anni fa non riesco più a farne a meno😊)
      Un abbraccio e alla prossima😁

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...