Sapevi che in Umbria, tra Orvieto e Todi, si nasconde un canyon pazzesco che puoi raggiungere con un trekking nella natura?

Vieni a scoprirlo con me.

Trekking Umbria

Trekking Umbria: il sentiero per il canyon

Se vuoi immergerti in un’atmosfera di pace tra macchia mediterranea, boschi e vigneti non puoi assolutamente perderti la passeggiata da Titignano alla Roccaccia.

Gli unici suoni che ti accompagneranno durante la passeggiata saranno il cinguettio degli uccelli e lo scricchiolio dei sassi sotto ai piedi!

Il trekking è facile e adatto a tutti, si porta a termine in un’ora e mezza (sono circa 7 km tra andata e ritorno) e ti condurrà al Gran Canyon dell’Umbria, nell’area naturale protetta del parco fluviale del Tevere.

Preparati a godere di scorci mozzafiato sul lago di Corbara, un lago artificiale ricavato dallo sbarramento del fiume Tevere nella zona di Orvieto.

Trekking Umvria

Trekking Umbria: punto di partenza.

La partenza è a Titignano, un piccolo borgo medievale arroccato su una collina nel comune di Orvieto, dove il tempo si è fermato.

Oggi il castello e il borgo fanno parte di un agriturismo con camere ricavate nelle antiche case del borgo.

Qui c’è anche un ristorante dove potrai gustare la cucina umbro-toscana e una piscina con splendida vista sulla vallata e il Lago di Corbara.

Dopo aver lasciato la macchina nell’unico parcheggio di zona, prosegui a piedi sullo sterrato che costeggia il castello.

Inizio sentiero

Il sentiero inizia in discesa tra cipressi e vigneti e per buona parte della passeggiata sulla destra godrai di un’incantevole vista sul lago di Corbara.

Lungo il tragitto mantieni ai bivi sempre la sinistra, troverai pochi segnali per lo più sugli alberi lungo il percorso.

A metà strada troverai un podere abbandonato che affaccia su un’altura con l’antico rudere del Castello di Montemarte.

La visuale è aperta, con magnifici panorami sulla natura circostante.

Arriverai a un piccolo slargo e qui dovrai prestare molta attenzione ai cartelli che sono nascosti tra gli alberi. Se non dovessi trovarli,  svolta a destra per gli ultimi 600 metri.

Ti inoltrerai in un fitto bosco dove predomina la macchia mediterranea tra lecci, corbezzoli, fillirea e querce secolari che ti daranno una piacevole tregua dal sole.

Ancora pochi passi e ti troverai in mezzo ai ruderi della Roccaccia nel punto più panoramico della passeggiata.

Passa sotto all’arco in pietra del castello diroccato e sarai arrivato alla splendida terrazza che affaccia sul canyon, a 411 metri di altezza.

Il paesaggio mi ha ricordato il fiordo di Preikestolen in Norvegia, ma al posto del mare tra le alte pareti rocciose serpeggia la lingua verde del Tevere in cui brilla la luce del sole.

È uno spettacolo mozzafiato, credimi, resterai a bocca aperta davanti allo strapiombo delle Gole del Forello, una sorta di canyon naturale scavato dal corso del fiume Tevere.

Lasciati accarezzare dalla brezza tiepida e riempi gli occhi di bellezza.

Il mio consiglio: la vista migliore

Per evitare la piccola folla sulla terrazza della Roccaccia esci dalle mura, costeggiale tenedole alla tua destra e segui il sentiero per qualche metro.

Arriverai in un altro punto panoramico dove c’è una terrazza naturale solitaria con una vista altrettanto mozzafiato!

Trekking umbria

E dopo esserti goduto ampiamente questo paesaggio meraviglioso, è tempo di rientrare facendo il percorso a ritroso.

Una volta a Titignano ti consiglio di fermarti alla terrazza del Castello per un caffè con vista al bar o al ristorante in stile medievale per una cenetta e, tra una portata all’altra, magari assistere a un bel tramonto.

Se hai voglia di camminare di più ti lascio un altro trekking con un percorso più lungo che ti farà scoprire anche le grotte.

Anello di Titignano

Conoscevi questa meraviglia nascosta?

Un abbraccio.

Veronica

9 COMMENTS

    • Ti abbraccio forte cara Vitty, sì anche in Italia ce n’è davvero tanta di bellezza❤️

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.