Via Francigena: la partenza da Aosta

 

Mercoledì 13 giugno è iniziato il mio terzo viaggio a piedi.

Quest’ anno gioco in casa percorrendo la Via Francigena e sono curiosa di scoprire le meraviglie che ha in serbo per me l’ Italia.

Parto da Aosta dopo aver ammirato un’alba meravigliosa che prendo come segno di buon auspicio.

Dal balcone del mio albergo vedo le cime delle solenni montagne ancora innevate e i tetti dalle caratteristiche tegole piatte della città che ancora dorme.

Via Francigena

Il pensiero vola alle 42 tappe che mi aspettano e la solita domanda che si insinua sempre prima di cominciare i miei cammini: ” Ce la farò?”

Fa impressione immaginare di dover percorrere quasi 1000 chilometri di Via Francigena e stare lontano da casa per tanto tempo.

Tuttavia, ormai, sono consapevole che per arrivare alla fine non devo guardare la vetta ma concentrarmi sul singolo giorno.

E’ successo così anche con il mio primo cammino e so che questo è l’unico modo per riuscire nell’impresa.

Vivere il presente.

Quest’anno ho con me un’accompagnatrice speciale ma rivelerò la sua identità soltanto se riusciremo ad arrivare a San Pietro insieme.

Da Aosta a Piverone: 2 regioni in 5 giorni

I primi tre giorni di cammino lungo la Via Francigena ho attraversato la splendida regione della Valle d’Aosta tra alte montagne, boschi, ruscelli, cascate, prati verdi e borghi in pietra adagiati sul fondovalle.

Paesaggi fiabeschi che mi ricordavano la contea del Signore degli Anelli ed effettivamente con il mio bastone, raccolto nel bosco, mi sentivo un po’  come Gandalf.

Il sali e scendi a tratti davvero impegnativi, mi hanno regalato dei panorami mozzafiato. Questo è il tipo di percorso che più mi entusiasma al contrario delle monotone ed infinite pianure.

Ciò che più mi ha colpito della Via Francigena è l’assenza o quasi di pellegrini!

In cinque giorni ne ho incontrati cinque, una media di uno al giorno. Non che la cosa mi dispiaccia,  ma credevo fosse più frequentata.

Ho avuto, come al solito, problemi di segnaletica non dovuta alla mancanza di cartelli, bensì alla sovrabbondanza che mi ha gettato nella confusione totale e ovviamente mi ha fatto sbagliare strada molte volte

L’ ultima proprio ieri appena entrata in Piemonte.

Mi trovavo a Carema, la prima città piemontese incontrata lungo il cammino, quando seguendo le frecce gialle, dopo un’ora di salite ripide sui terrazzamenti di vite nelle ore più calde della giornata, capisco che ho sbagliato strada.

Eppure le frecce erano lì e continuavano ad indicare la salita ma la guida cartacea che avevo descriveva la tratta come semplice e piacevole.

C’era decisamente qualcosa che non andava.

Decido saggiamente di tornare indietro e chiedere informazioni. Fortunatamente trovo un essere umano nel paese deserto che mi indica la giusta direzione spiegandomi che quelle frecce gialle erano per percorsi di corsa.

Ma si può?

Le mie imprecazioni su quelle terrazze si sono sentite fino a San Pietro ne sono certa!

Una fatica vana, ma ho potuto godere di un panorama unico: i caratteristici vitigni terrazzati sulle montagne, la vista di Carema in tutto il suo splendore arrocata sul fianco dell’altura e all’orizzonte altri paesini adagiati sul fondovalle.

Uno spettacolo che ha cancellato il cattivo umore per la sfacchinata inutile.

Pochi chilometri dopo Carema, il paesaggio comincia a cambiare.

Mi lascio alle spalle i monti, il sali e scendi, le valli e i borghi incantati per la pianura.

Attraverso grandi distese di campi coltivati a granturco e dopo una piacevole parentesi nell’area dei Cinque Laghi nei pressi di Ivrea, mi immergo completamente in un contesto rurale.

Sento già nostalgia del vento fresco della Valle d’Aosta che stemperava il caldo che qui in Piemonte invece è insopportabile.

Camminare in pianura tra i campi sotto il sole bollente è sfiancante e noioso: il tempo sembra fermarsi…

Fa parte del viaggio così come della vita: bisogna accettare il buono e il cattivo tempo.

Intanto vado avanti curiosa come sempre di scoprire cos’ ha in serbo per me la strada…

Da Piverone è tutto

Un abbraccio

Veronica

51 COMMENTS

    • Ciao Monica si tutto prosegue benissimo piu tardi pubblico il riassunto dei chilometri dal Piemonte all’Emilia Romagna?
      E’ difficile la Francigena per la segnaletica che fa fare molti chilometri invano e fa perdere la strada (e la pazienza ?)molte volte ma non mollo e la finisco tutta ????
      Un abbraccio fortissimo e buona giornata❤

    • Ma ti capita solo in Italia questo problema con la segnaletica o sono cose che possono capitare?
      Un abbraccio, buon cammino
      🙂 🙂

    • Qui è una vera e propria Babele…addirittura si inventano nuovi sentieri che non fanno parte della Francigena originale e fanno allungare anche di una decina di km?

    • Aiuto! Povera!
      poi con questo caldo allungare il percorso
      deve essere uno spasso!
      ti auguro d’ora in poi di trovare la Giusta strada
      da percorrere
      Un abbraccio, 🙂

    • Eh già un gran divertimento ???? ma ora sto affinando le tecniche: quando sospetto prendo il gps e mi faccio la statale ?

    • Anche a te e Gianfranco cara Renata, un abbraccio forte a tutti e due❤??

  1. è veramente bello quello che dici e sono commosso. posso soltanto dire che anche per me è così e che sono sicuro che prima o poi costruiremo e magari percorreremo insieme una Via della Valsabbia, che affiancheremo al Sentiero delle Tre Valli. e sarà ancora più bello essere i primi a farlo.

    così ci conosceremo finalmente anche di persona.

    io proseguo intanto con la laboriosissima ricostruzione del viaggio in Cambogia, che dedico mentalmente a te, ma ne riparleremo quando sarai tornata.

    un abbraccio lungo il cammino, a voi due.

    • Mi piacerebbe tantissimo caro Mauro sarebbe bello costruire insieme un sentiero e conoscerci di persona❤
      Va benissimo appena torno ne parleremo meglio?
      Intanto buona ricostruzione ???
      A presto e buona serata❤

    • Tu puoi capirmi benissimo caro Manuel…l’imprevisto è la dimostrazione che non abbiamo il controllo su nulla…è solo un’illusione…quindi non resta che accettarlo e vedere il lato positivo❤?
      Un abbraccio forte buona giornata ?

    • Io non c’ero mai stata prima ma di sicuro è un posto in cui tornerò mi è piaciuta da morire?❤

  2. fantastico! te l’hanno già detto in tanti, e io arrivo buon ultimo o forse quasi.

    però è uno dei rari casi in cui mi piace di dirlo lo stesso, anche se non ho altro da dire che la mia ammirazione e il piacere di leggerti.

    buona continuazione e buona compagnia.

    • Carissimo Mauro senza il tuo supporto che mi ha accompagnato per tutto il Cammino Portoghese non sarebbe altrettanto fantastico…ormai sei il mio angelo custode e ti porterò in ogni mio viaggio ?…spero di riuscire a scrivere più spesso ❤
      Ti abbraccio forte forte e a presto?

    • decisamente troppo buona (come sempre) con me.

      certo, ti leggerò tutta d’un fiato, come sempre (quando mi arrivano le notifiche, male cronico) e sto tifando per voi due, mentre io mi devo accontentare di rifare il mio viaggio in Cambogia in modo virtuale.

      è già straordinario che tu trovi il modo di scrivere con questa scorrevolezza che fa rivivere i tuoi passi altrettanto leggeri, anche se tosti, e quelli di chi per la prima volta ti accompagna.

      sono con voi come nonno affettuoso. 🙂

    • Lo sai che ho per te un affetto speciale, le nostre lunghe chiaccherate anche se non sono state di persona per me è come se lo fossero sempre state ed ormai mi sono affezionata❤
      Senza la tua “presenza” mancherebbe una parte importante nella mia avventura ?
      Buona ricostruzione del tuo viaggio in Cambogia aspetto news, ti abbraccio forte e a presto?

    • eh, no! commento di nuovo sparito! la storia ricomincia anche col mio nuovo netbook? aspetto stasera a riscriverlo, forse ricompare.

      e intanto però mi ricopio questo, prima di spedirlo, facesse la stessa fine…

  3. Mi piace la valle d’Aosta a sempre un certo fascino il fresco in alto sì ma la città di Aosta è calda se riesci ha stare nei sentieri a 800 metri va tutto bene

    • Si si Dino lassù si sta una favola temperatura perfetta caldo giusto e brezza fresca❤

  4. Looks amazing. I was just thinking yesterday that I hadn’t seen one of your blogs in a while and I was going to check today to see if I had missed one! We must be on the same wave length!!

  5. Ciao Veronica, eccoti!!!
    sono contenta di leggere di te nei tuoi primi 110 km di questa tua nuova avventura 🙂
    Buon cammino cara <3
    Magnifiche immagini, i tetti di Aosta sono bellissimi e quasi si riesce a respirare
    quel vento fresco di cui ci parli 🙂
    Un abbraccio grande bella !!!
    ciao Monica
    🙂

    • Ciao mia cara Monica si è cominciata questa nuova avventura quest’anno più ricca che mai perchè ho con me una compagna specialissima…da quando sono partita nulla va secondo i miei piani ma mi sta entusiasmando vivere alla giornata e vedere coss succede??❤
      A presto spero di scrivere un po’ più spesso…ti abbraccio come sempre forte forte?

  6. Letto tutto d’un fiato! Come sempre mi ritrovo col sorriso stampato in faccia ogni volta che ti leggo! Grande ammirazione!
    ??

    • Sei sempre troppo gentile mia carissima Chriss spero nei prossimi giorni di riuscire a scrivere più spesso…❤ ti abbraccio forte forte ?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.